Area Clienti
Nome Utente:
Password:
 
Hai dimenticato la password? Clicca qui per riceverne una nuova

Indice FTSE MIB

Indice Euro Stoxx 50

Dow Jones

Hang Seng

DAX

Nikkei 225

PETROLIO, GAS NATURALE, USCITA del QATAR da OPEC (e molto altro)

 

8/12/2018

Eccovi un estratto di quanto pubblicato il 4dicembre2019 per la clientela (sez: Commodities/Petrolio):

<<...Il 29nov2017 scrivevo come fosse possibile che l'OPEC si sfaldasse, aspettandomi un uscita dell'Arabia Saudita dal cartello. Invece ad uscire, esattamente un anno dopo da quella mia considerazione, sarà il Qatar che - a pochi giorni dalla riunione Opec del 6dicembre a Vienna -  rende noto il suo ritiro dal cartello a partire dal 01gennaio2019.  L'Organizzazione sarà quindi rappresentata sostanzialmente -come peso internazionale - dall' Arabia Saudita. 

  • https://www.nytimes.com/2018/12/03/world/middleeast/qatar-withdraw-opec.html
  • https://www.aljazeera.com/news/2018/12/qatar-withdraw-opec-january-2019-181203061900372.html

Il Qatar, piccolo stato ricco di gas che vanta il primato di essere la nazione più ricca della Terra su base pro capite, lascerà il cartello del petrolio il 1 ° gennaio 2019 dopo 57 anni. 

La  Qatar Petroleum (compagnia statale), ha detto che con tale decisione "il Qatar  intende concentrare i suoi sforzi sui piani per lo sviluppo e l'incremento della produzione di gas naturale" (mercato da noi analizzato da tempo con successo e del quale potete leggere  le ns proiezioni nella sezione Commodities/Gas Naturale)   https://www.theguardian.com/business/2018/dec/03/qatar-pulls-out-of-opec-to-focus-on-gas-production

Il Qatar è uno dei piu piccoli produttori di petrolio dell'OPEC (v. lista) con un  fatturato inferiore al 2% della produzione complessiva del gruppo, ma è il primo  produttore mondiale di gas.  Le sue esportazioni rappresentano attualmente circa il 30% della domanda globale. Quindi il suo ritiro ha un impatto limitato sul mercato petrolifero fisico, mentre tale decisione è assai importante per il prezzo del gas naturale, peri gasdotti verso l'Europa, nonchè per gli equilibri geopolitici dello scacchiere medio-orientale, che si stanno lentamente deteriorando, da quando il governo del Qatar sostenne l'Iran. 

La decisione  del Qatar di ritirarsi dall'OPEC    è pertanto  la logica conseguenza dell' embargo diplomatico ed economico che sta subendo da oltre un anno e mezzo.  Per rappresaglia, da allora,  il Qatar ha aumentato la propria produzione di gas  in quanto è il gas e non il petrolio la sua principale fonte di reddito. L'embargo che gli ha tagliato i collegamenti commerciali - blocco aereo, marittimo e terrestre imposto  (anche la loro compagnia aerea è stata bandita da altri aeroporti)  è stato attuato da quattro paesi arabi: Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti (EAU), Bahrain ed Egitto, tutti appartenenti all'OPEC (embargo  proposto e caldeggiato proprio dall'Arabia Saudita, leader dell'Organizzazione). 

Inoltre pochi sanno che la base militare di Al Udeid, oltre ad ospitare la Qatari Air Force, la Royal Air Force britannica ed altre forze della coalizione che combattè la Guerra del Golfo, è anche base della U.S. Air Force con circa  11000 uomini. Nell'aprile 2003 infatti il Centro di Operazioni Aeree Usa  per il Combattimento per il Medio Oriente venne spostato dall'Arabia Saudita al Qatar, considerato logisticamente più congeniale. Al Udeid ed altre strutture in Qatar fungono da centri logistici, di comando e di base per l'area di operazioni del CENTCOM (Comando Centrale Usa) e supervisionano le operazioni aeree degli Usa in Paesi quali Iraq, Afghanistan, Siria. 

Nell'agosto 2018  il sito web d'inchiesta The Intercept, come riportato anche da AlJazeera https://www.aljazeera.com/news/2017/06/qatar-diplomatic-crisis-latest-updates-170605105550769.html  ha rivelato che l'ex segretario di stato americano Rex Tillerson  (ex dirigente della compagnia energetica Exxon), riuscì a convincere  l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti dall'evitare di attaccare il Qatar nel giugno 2017.  Secondo la pubblicazione, il piano includeva truppe di terra saudite che,  attraversato il confine terrestre col Qatar - e con il supporto militare degli Emirati Arabi Uniti -  sarebbero avanzati nell'entroterra, impadronendosi di Doha,  capitale del Qatar. Tillerson ha ripetutamente criticato i paesi bloccanti per la crisi e, nell'ottobre dell'anno scorso, li ha accusati di aumentare le tensioni.

L'idea di una invasione, ma della Siriaera già venuta nel 2015 ma al Qatar, allora  appoggiati dagli Usa  guidati da Obama (*).   Ma perchè un invasione della Siria? Il nocciolo della questione sono le forniture di gas all'Europa ed i gasdotti per farcelo arrivare. Obama voleva appoggiare il Qatar  nel piano di  invadere la Siria per farci poi passare il gasdotto/oleodotto e competere con la Russia che già vendeva gas all'Europa. Vi erano due gasdotti/oleodotti: uno approvato dalla Russia che partiva dall'Iran attraverso la Siria e l'altro con il Qatar attraverso la Siria  (progetto questo caldeggiato da Obama). (...)

Alla riunione di domani, 6dicembre,  le aspettative sono per un accordo sulla produzione poichè Putin ha già concordato col principe ereditario saudita Moh'd bin Salman, l'estensione dell'accordo per la limitazione della produzione. Si ricorda che la Russia non è membro OPEC ma è il terzo maggior produttore mondiale di petrolio. 

Sappiamo già da tempo che non è sicuramente  l'OPEC a guidare l'andamento del petrolio che, in base alle ns previsioni, si sta comportando esattamente come previsto a fine sett2018.

Tutte le nostre analisi e proiezioni (con target, livelli di entrata/profitto/stop) su petrolio e gas naturale (e molte altre) le trovi in Forex & Commodities Report: https://www.fib30online.it/it/abbonamento-10.htm

mid-OPEC_produttori.jpg
mid-OIL_top_producing_countries_in_2018.jpg

(*) OBAMA Barak:  nel 2009  insignito del Premio Nobel per la pace «per i suoi sforzi straordinari volti a rafforzare la diplomazia internazionale e la cooperazione tra i popoli».

https://www.huffingtonpost.com/2014/09/11/obama-iraq-war_n_5801694.html?guccounter=1

blob:https://www.huffingtonpost.com/88a4c58a-08ff-4057-89b2-dfd8257d8395

https://www.washingtonpost.com/politics/us-to-expand-support-in-kenya-somalia-for-counterterrorism-operations/2015/07/25/b6f386f0-3210-11e5-97ae-30a30cca95d7_story.html?noredirect=on&utm_term=.250a9c4fe0c1

« Lista articoli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti
26/5/2019

agg FTSE MIB indice + DAX indice (con grafico)

24/5/2019

agg AUTOGRILL con grafico e targets h 10.58 agg FIB

23/5/2019

agg PETROLIO con grafico +EUR/USD+EUR/GBP con grafico e targets + NOTA in sez INDICI

22/5/2019

agg EUR/YEN con 2 grafici + INTEL con grafico+ INTESA + STM

21/5/2019

agg EUR/CHF + USD/YEN ---- 20/05 agg ALIBABA

19/5/2019

agg GBP/USD + FTSEMIB ed Indici + BPER con grafico

16/5/2019

il 20/05 INTESA stacca dividendo di circa il 9%=acquistarlo prima? ma... a che prezzo??? vai al ns aggiornamento con target, grafico, strategia

16/5/2019

h 11 agg LAZIO con 2 grafici e targets!

15/5/2019

agg FERRAGAMO con grafico e targets

14/5/2019

agg INTERPUMP con grafico + ITALGAS+ PRYSMIAN con targets e grafico + EUR/CHF con grafico + EUR/USD con grafico

13/5/2019

agg NASDAQ 100 indice con grafico + SETTORIALE BANCHE con 2 grafici +AMPLIFON

12/5/2019

Agg FINECO, poi in sez INDICI, pubbl. agg.to FTSEMIB con grafico, DAX, S&P500, DJ....

10/5/2019

agg SPREAD con grafico e targets (v. in Azioni, lettera S)

8/5/2019

agg NZD/USD + DAX future + FIB future

7/5/2019

h 15.54: posiz. SHORT FIB come suggerita in report odierno = vendita a 21020/21110 ha raggiunto il primo target ribassista: 20890. Tutto confermato. Alle 16.30 aggiornamento.

News
24/4/2018
ELLIOTT nell operatività intraday

Volete approfondire la Teoria di Elliott? (ripresa base + lettura dei mercati... Leggi »

23/2/2018
Nuovo servizio "PRONTO MERCATI"

Gentili Utenti, Vi informiamo che da oggi è attivo il nostro nuovo servizio... Leggi »

» Leggi tutte le news
Corsi, formazione, seminari

                     "IL PUNTO SUI MERCATI:  OUTLOOK 2019" Prospettive, Targets,  Strategie per il 2019" --     6genn2019  Analisi videoregistrata di 1h e 30min. circa  A cura di Daniela Turri FOCUS su FTSEMIB ed... Leggi tutto »

 

 

 

 

Fib30online.it si occupa di: Analisi, previsioni, andamento borsa | Comprare azioni borsa | Eurex future | Forex trading | Futures trading
Indice Nasdaq | Indice FTSE mib | Indici finanza | Quotazioni borsa, azioni | Quotazioni, previsioni, azioni, indici